giovedì 25 maggio 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
Letture.jpg
 
 
     
     
 

IL CARRUBBO

Carruba003.jpg



Nome volgare: Carrubo
Nome scientifico: Ceratonia siliqua
Famiglia: Papilionaceae


Habitat: pianta xerofila, poco esigente, che cresce in suoli aridi, rocciosi, calcarei, spingendosi da zone vicine alle coste fino a circa 400 metri di quota.

Descrizione: pianta sempreverde, dal portamento arboreo, che può raggiungere circa i 10-15 metri di altezza. Presenta chioma molto sviluppata, ampia e fitta, e tronco massiccio con ramificazioni che si originano vicino alla base. La corteccia è fessurata, di colore brunastro chiaro; le foglie sono coriacee, di colore verde scuro, lucido nella pagina superiore e bruno rossastro in quella inferiore. sse sono inserite in modo alterno in rametti di colore grigio chiaro. I fiori sono piccoli, ermafroditi, riuniti in infiorescenze (racemi). I frutti, denominati lomenti, sono legumi di colore bruno-violaceo, grossi e carnosi, lunghi fino a 15-20 cm; noti con il nome di carrubi, essi sono eduli e caratterizzati da una polpa dolce. Fiorisce dalla tarda primavera fino all’autunno.

Usi e curiosità: la coltivazione del carrubo veniva praticata già al tempo dei romani. Attualmente tali alberi vengono utilizzati per scopi ornamentali. Il legno, duro e compatto, viene spesso utilizzato per lavori di falegnameria. I frutti vengono usati nell'industria alimentare e farmaceutica. I semi, di forma lenticolare, detti carati, grazie al loro peso costante erano usati in passato per pesare oro e pietre preziose; da qui la denominazione "carati". Per quanto riguarda le antiche credenze popolari siciliane, in passato si pensava che sotto tale albero si potesse rinvenire la famosa "truvatura", un leggendario tesoro. Inoltre, si riteneva di poter incontrare, in vicinanza di tale albero, fate e streghe, ritenute abitatrici delle sue fronde. La pianta ha anche interesse storico ed evangelico: infatti si tramanda che il "figliol prodigo" si sia nutrito dei frutti di tale albero.