venerdì 23 giugno 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
IndiceItinerari.jpg

Itinerari d'Arte

Nelle Città Unesco
(Ragusa, Modica e Scicli)

Eclettismo e Liberty
(Donnafugata, Vittoria, Comiso)

Altre Città Barocche
(Ispica, Noto, Avola)

Itinerari Storici

Archeologia
(Kamarina, Kaukana, Cava Ispica)

Castelli e Torri e...
(Chiaramonte, Acate, Pozzallo)

Itinerari Tematici

Il Commissario Montalbano
(Punta Secca, Donnafugata, Ibla, Modica e Scicli)

Enogastronomici
(Vittoria, Comiso, Chiaramonte, Ragusa, Modica)

 
 
     
     
 

Fançais

Castelli e Torri e...

Chiaramonte

Chiaramonte-museo-olio.jpg Chiaramonte-museo-liberty.jpg CH09.jpg CH03.jpg

La città dei Musei

Dai giardini, da cui si gode una stupenda vista panoramica sulla vale di Vittoria, si prosegue verso  il Duomo di Santa Maria La Nova, che custodisce al suo interno tre tele di Simone Ventura. Interessanti anche la Chiesa di San Filippo e di San Salvatore. Muovendo verso la parte superiore della cittadina si attraversa l'Arco dell'Annunziata, ingresso principale al castello dei Chiaramente, per arrivare alla chiesa di San Giovanni con una bellissima cripta.  Da non perdere il museo dell'olio, del Liberty e quello dello sfilato siciliano.



Acate

 Acate-Castello-Biscari4.jpg Acate-Castello-Biscari1.jpg Acate-Castello-Biscari2.jpg Acate-San-Vincenzo-Martire1.jpg

Il Castello di Biscari

Eretto alla fine del 1400, la sua veste attuale è sorta dalle modifiche fatte dal principe Vincenzo Paternò. La devozione nei confronti del simulacro di San Vincenzo, nella chiesa attigua al Castello, è legato a una storia che si nutre anche di una vena leggendaria. Si narra che il Principe si innamorò perdutamente di una bella popolana, che abitava vicino al castello. Ma la principessa Anna Scamacca Bonaiuto scoprì la tresca amorosa e fece rinchiudere la giovane donna in una delle segrete del castello, cosparsa di miele affinchè il suo corpo divenisse cibo delle api. La principessa in seguito si pentì di aver compiuto il misfatto e il Papa le offrì il perdono in cambio della offerta di accoglienza delle reliquie di S. Vincenzo all'interno del Castello. A questo evento è collegato il famoso Palio, che ad Acate si festeggia dal 1722 in onore dell'arrivo del corpo del martire che giunse da Roma via mare e approdò al porto di Scoglitti.

 

Pozzallo

 torre_cabrera_barca.jpg  torre_cabrera_notte.jpg torre_di_giorno.jpg

La Torre Cabrera

Fra tutti i baluardi che vennero costruiti per fronteggiare le incursioni saracene nel territorio ibleo, la Torre Cabrera era la più imponente e la meglio fortificata, costruita nel 1492 per volere del Conte di Modica don Giovanni Bernardo Cabrera. Annesso alla Torre esisteva un "Caricatore", un luogo di attracco per le navi mercantili che commerciavano i prodotti della contea in tutto il Mediterraneo. Il castellano della Torre era il Maestro Portolano a volte duro e spietato, a volte generoso con i castellani. La Torre e il caricatore dall’aspetto austero, specchio di tempi di paura e rassegnazione, furono il simbolo del progresso economico, uno stimolo per l’incentivo del commercio e per gli scambi culturali ed economici.