giovedì 25 maggio 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
IndiceItinerari.jpg

Itinerari d'Arte

Nelle Città Unesco
(Ragusa, Modica e Scicli)

Eclettismo e Liberty
(Donnafugata, Vittoria, Comiso)

Altre Città Barocche
(Ispica, Noto, Avola)

Itinerari Storici

Archeologia
(Kamarina, Kaukana, Cava Ispica)

Castelli e Torri e...
(Chiaramonte, Acate, Pozzallo)

Itinerari Tematici

Il Commissario Montalbano
(Punta Secca, Donnafugata, Ibla, Modica e Scicli)

Enogastronomici
(Vittoria, Comiso, Chiaramonte, Ragusa, Modica)

 
 
     
     
 

Fançais

Tra Eclettismo e liberty

  Donnafugata 

donnafugata80.jpg donnafugata85.jpg donnafugata87.jpg donnafugata88.jpg

L'ultimo dei "Gattopardi"

Il castello di Donnafugata, con il suo stile "Neo Gotico", rientra nelle esperienze tipiche dell'eclettismo del XIX secolo. La storia del castello è legata alla vita di uno degli ultimi "gattopardi" di Sicilia, il barone Corrado Arezzo, che trasformò la dimora estiva nel castello che si ammira oggi. L'atmosfera magica, sospesa, del castello ci trascina nelle storie di quella Sicilia descritta da Tomasi di Lampedusa nel suo “Il Gattopardo”. Il piano nobile, con la successione di camere, come la sala della musica, la sala del biliardo, la sala degli stemmi e il parco con i giochi tipici di quell’epoca, dal labirinto al tempietto dell’amore, ci affascinano e ci lasciano sognare quell’aria romantica e decadente tipica di quel tempo.


Vittoria

vittoria 016.JPG  vittoria 071.JPG  vittoria 062.JPG 

 Eclettismo e Liberty

Piazza del Popolo con il teatro "VIttoria Colonna", con  opere di Giuseppe Mazzone. La chiesa tardo-barocca della Madonna delle Grazie, con un'elegantissimo interno e poi continuando in via Cavour, la Basilica di San Giovanni Battista, con tele della scuola del Minniti (caravagesco). Da Piazza Ricca verso il Castello, sede del consorzio del "Cerasulo", la chiesa di San Biagio, il palazzo Iacono, in stile neo-classico, ma con sale affrescate in uno spumeggiante liberty, e per finire Palazzo Carfì, il gioiello Liberty, il neo-gotico palazzo Traina, e gli altri palazzetti lungo via Cavour, il salotto della città.


Comiso

comiso 04.jpg comiso 02.jpg lavori_comiso01.jpg

La Piccola Contea

Dal castello dei Naselli, con un torrione ottagonale e la bellissima serliana cinqueccentesca. San Biagio con la tela di Santa Teresa di Pietro Novelli, la Basilica di S. M. delle Stelle con un bellissimo soffitto ligneo affrescato, piazza delle Erbe, con l'ottocentesco "mercato del pesce" oggi sede della Fondazione Bufalino, scrittore comisano. Si continua con la Chiesa dell'Annunziata ricostruita su progetto del Vaccarini, con all'interno preziosi stucchi e un crocifisso attribbuito a Fra' Umile da Petralia. Infine la Chiesa di San Francesco o dell'Immacolata, Monumento Nazionale, con il monumento funebre di Baldassarre Naselli di Antonio Gagini.