giovedì 25 maggio 2017     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
IndiceItinerari.jpg

Itinerari d'Arte

Nelle Città Unesco
(Ragusa, Modica e Scicli)

Eclettismo e Liberty
(Donnafugata, Vittoria, Comiso)

Altre Città Barocche
(Ispica, Noto, Avola)

Itinerari Storici

Archeologia
(Kamarina, Kaukana, Cava Ispica)

Castelli e Torri e...
(Chiaramonte, Acate, Pozzallo)

Itinerari Tematici

Il Commissario Montalbano
(Punta Secca, Donnafugata, Ibla, Modica e Scicli)

Enogastronomici
(Vittoria, Comiso, Chiaramonte, Ragusa, Modica)

 
 
     
     
 

Fançais

Le città dell'UNESCO


Ragusa

hm6.jpg ibla04.jpg WEBCB13.jpg

Passeggiata barocca

Un percorso completo che dalla città nuova, seguendo in discesa le scalinate che portano a Ibla, permette una visita completa di tutti i monumenti inseriti nel World Heritage. Dalla Cattedrale di San Giovanni, quindi, a Ragusa Superiore, continuando con i palazzi barocchi Palazzo Zacco e Palazzo Bertini, Santa Maria delle Scale, con il suo magnifico panorama su Ibla, l’Itria e la Commenda dei Cavalieri di Malta, Palazzo Cosentini, il Purgatorio, Palazzo La Rocca, Il Duomo e la sua Piazza, San Giuseppe per finire ai Giardini Iblei con il vicino Portale di San Giorgio Vecchio.

Giro classico

Un'agevole passeggiata che dal Portale di San Giorgio Vecchio, in stile gotico fiorito, finisce a Piazza Duomo. Nel percorso si svilupperanno i temi del tardo barocco UNESCO ma non solo. Il percorso prevede: il Portale di San Giorgio, i Giardini Iblei con le sue chiese, la chiesa di San Giuseppe (UNESCO), il Palazzo Donnafugata, il Circolo di Conversazione, il Duomo di San Giorgio (UNESCO), la vista panoramica dietro il Duomo e per finire Palazzo La Rocca (UNESCO) con i suoi magnifici balconi.

Percorso Intra Moenia

Un percorso alternativo per vedere la visita delle due parti di Ibla, da Piazza della Repubblica ai Giardini Iblei. I monumenti presenti nel percorso sono: Palazzo Cosentini (UNESCO) e la chiesa dell'Itria (UNESCO), Chiesa del Purgatorio (UNESCO), la salita dell'Orologio, Sant'Anna, Palazzo La ROcca (UNESCO), il Duomo di San Giorgio (UNESCO), Piazza Duomo con il Circolo della Conversazione e Palazzo Donnafugata, San Giuseppe (UNESCO) e per finire ai Giardini Iblei e al Portale di San Giorgio Vecchio.

Modica

modica03.jpg Modica1.bmp modica02.jpg

Su e giù tra i vicoli

Partenza da Piazza Falcone-Borsellino e prima tappa al Duomo di San Giorgio, monumento UNESCO, con molte curiosità intriganti all'interno sia dal punto di vista artistico ma anche del folklore cittadino. Si continua con la casa natale di Salvatore Quasimodo (visitabile su prenotazione) e la vista della Torre dell'Orologio, simbolo di Modica. Si scende attraverso stradine caratteristiche per arrivare a Santa Maria di Betlemme, con la Cappella Cabrera (Monumento Nazionale) e il presepe perpetuo in terracotta. Quindi San Pietro, l'altra Chiesa Madre e i Palazzi Barocchi di Corso Umberto. Possibilità di aggiungere la visita del Castello della Contea, la chiesetta rupestre di San Nicolò Inferiore e la cripta di San Domenico. Possibilità di concludere la visita con una ricca e gratuita degustazione di cioccolata modicana.

Le due Matrici (Percorso Classico)

Visita di San Giorgio (UNESCO), con il suo interno, la tela di Filippo Paladini e il Polittico di Bernardino Niger. Si continua attraverso vicoli caratteristici, si attraversa il Limite delle due Matrici, per arrivare a San Pietro (UNESCO), con la visita dell'interno fastoso. Si ritorna verso la stazione degli autobus, da corso Umberto, con possibilità di sosta per una ricca e gratuita degustazione di cioccolata modicana.


Scicli

Foto_Scicli_mori.jpg sciclifeb01.JPG sciclifeb03.JPG

Basole Barocche

Da Piazza Italia con la Chiesa di Sant’Ignazio, si prosegue verso la bellissima chiesa di San Bartolomeo nella scenografica cava. Palazzo Fava, con i suoi i mensoloni affabulatori, Palazzo Beneventano e la storia dei mori, e poi via Mormino Penna e le sue “scenografie sacre”, San Giovanni, San Michele, Santa Teresa,nel cui interno è custodita la statua della Madonna delle Milizie (ingresso a pagamento), che ci testimonia dell'assedio arabo del 1091, per finire alla chesa del Carmine, con il suo ricco interno e il "Cristo in gonnella" e con la prospettiva di chiese che si inerpicano nella cava.